ROMA 12 APRILE 2019

Ecco i cavalli, meglio i puledri di due anni. Sembra incredibile ma un altro anno è trascorso, una corta di uno dei tanti inizio anno dell’ippica. Accade quando cominciano a scendere in campo i due anni. A Roma è non solo tradizione ma sempre chiaro segnale di selezione. Nulla più della pista dritta, severissima, proprio perché sono le prime prove, può significare autentica selezione proprio per i due anni in questa parte della stagione. Per loro al momento due prove, divise per sesso, un approccio morbido, sei per corsa ma il dado ancora una volta è stato tratto. Si riparte anche con i puledri e sarà, ovviamente, un crescendo costante fino alla fine dell’anno.

Per entrambe la prova scelti i mille metri ovviamente in pista dritta. Per il momento basta solo osservarli con compiacimento. Sette saranno le corse, due le condizionate, due quelle per i due anni, dieci i protagonisti per ogni corsa, una ma maiden, due gli handicap con distanze dai 1000 fino ai 2300 metri. Per sei volte sarà attiva la pista dritta e una quella all weather. Ottime le due condizionate.
In quella per anziani, entrambe sui 1200, chiara la preparazione in vista del Tudini con in campo laureati e piazzati di gruppo e listed: Trust You, Zapel, Harlem Shake, Apache Kid, Its Two o Clock, Robranov e Noriac. Tutta da gustare come anche quella per i tre anni: Coming Soon, Chemda Tek, Framily, Infrarosso, Jeeg Robot, Storm Shelter, Sveva Spirit, Win The Best. Non manca la corsa tris: in 12 anziani sui 1200 in pista dritta e tutti con ottima chance , in particolare Set Celebre, Alatan Blaze, Kaed, Stay Bella, Bridge Destiny Man, Sole di Pio.
 
Torna Indietro