Piste pronte per accogliere gli specialisti di galoppo e trotto

Gran lavoro durante il mese di agosto per la manutenzione del fondo delle piste

Impeccabili, anche al semplice colpo d’occhio. Per la ripresa dell’attività post pausa estiva le piste all’Ippodromo Capannelle si presentano perfette. Durante il mese di agosto nell’impianto della via Appia si è lavorato a ritmo serrato per la manutenzione del fondo degli anelli di corsa sia di galoppo che di trotto.
Per procedere con la periodica manutenzione della pista ‘all weather’ del galoppo è arrivato dall’Australia Chris Engelbrecht, che da sei anni ha in cura, insieme a quelle dei più importanti ippodromi europei , anche la pista di Capannelle. Il tecnico ha lavorato dieci giorno coordinando il lavoro dello staff di HippoGroup Roma Capannelle. La pista (lunghezza 2000 metri, larghezza media 25 metri) che a causa dell’alta temperatura che caratterizza le condizioni meteo romane deve essere sottoposta a questo tipo di intervento ogni due anni, è stata rigenerata con l’aggiunta di trentacinque tonnellate di fibre elastiche e  con la distribuzione di quindicimila litri di cera, spruzzata e miscelata. La superficie totale trattata è stata di 35.000 metri quadrati.
Lavori di riqualificazione e manutenzione anche nell’area di Ciampino dove insistono le piste di allenamento del galoppo. Attività sia sul manto erboso che sulle recinzioni di confine danneggiate dagli atti vandalici dei Rom che abitano il limitrofo campo comunale.
La pista di trotto è stata liberata da uno strato di circa cinque/sei centimetri di pozzolana superficiale ormai polverizzata dall’uso e sostituita con nuovo materiale proveniente da cave del viterbese. Per questa operazione sono arrivati dodici bilici con circa trecentocinquanta tonnellate di materiale.
 
Torna Indietro